Formazione su Salute e Sicurezza (ore)

Ore di formazione su salute e sicurezza erogate in media nel triennio, il 23% del totale della formazione.

Infortuni sul lavoro

 Infortuni sul lavoro nel 2020,
nessuno grave o fatale,
in forte diminuzione dal 2019 e dal 2018.

Indici infortunistici*

* Calcolo basato su 200.000 ore lavorate.

La diminuzione dell’indice infortunistico rispetto al 2018.


MM si impegna a fare della sicurezza nei luoghi di lavoro un elemento imprescindibile nello svolgimento delle attività aziendali, aggiornando e migliorando sistematicamente gli strumenti per minimizzare il rischio di incidenti o di infortunio, anche tramite il costante monitoraggio delle attività e una puntuale valutazione dei rischi.

Come previsto dalla legge, MM ha designato e formato il proprio personale, predisponendo apposite deleghe per dirigenti e direttori, e descritto nel dettaglio i principali rischi derivanti dalle attività aziendali all’interno del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Cosa facciamo

Il Sistema di Gestione riguarda in particolare le attività del Servizio Idrico Integrato e si compone di un manuale e 22 procedure, ognuna delle quali può essere corredata da uno o più moduli del Sistema. È in corso di certificazione un sistema di gestione coerente allo standard UNI ISO 45001.

MM identifica i pericoli a cui sono esposti i lavoratori, effettuando periodiche procedure di Risk Assessment con lo scopo di analizzare gli incidenti ed esaminando costantemente le attività aziendali tramite sopralluoghi, interviste ai responsabili, ai lavoratori e al medico competente. Tali attività sono ciclicamente soggette ad audit con valutazioni volte a determinare modifiche migliorative o introdurre nuove procedure.

Il Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP) è impegnato nel contenimento degli infortuni, il cui numero e gravità negli anni si attestano già su livelli molto bassi. L’attenzione è rivolta in particolare agli infortuni connessi all’attività lavorativa rispetto alle tipologie di natura più incidentale, che non consentono l’adozione di procedure di miglioramento e buone prassi, come ad esempio gli incidenti in itinere e quelli stradali.

Il Servizio di Prevenzione e Protezione pianifica e realizza la formazione del personale in materia di Salute e Sicurezza, fruendo anche di fondi per la formazione finanziata.

I lavoratori designano i propri Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Essi vengono formati secondo i contenuti dell’accordo Stato/Regioni e incaricati di riportare le istanze dei lavoratori al Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP), al medico competente o al datore di lavoro, garantendo l’anonimato del lavoratore richiedente. 

In caso di situazioni di pericolo grave o imminente, il lavoratore ha l’obbligo di allontanarsi dal posto di lavoro, con il vincolo di riferire quanto prima l’accadimento ai propri responsabili. Al verificarsi di un infortunio, questo viene segnalato e descritto all’interno di un apposito modulo, affinché il SPP possa indagarne le cause e verificare se non siano state rispettate le procedure o se vi sia stato un comportamento inadeguato del lavoratore.

MM si è dotata di tre comitati formali di Salute e Sicurezza dei lavoratori e prevede attività di formazione specifiche secondo un piano formativo con percorsi basati sia su contenuti teorici sia su aspetti metodologici efficaci per facilitare il processo di apprendimento. La formazione in aula è integrata da sessioni di addestramento pratico svolte direttamente presso gli ambienti di lavoro.

Nel 2020 sono state erogate 2.512 ore di formazione dedicate a tematiche di salute e sicurezza, in diminuzione dal 2019 (-40%) a causa della parziale interruzione delle attività volta a limitare la diffusione della pandemia e della periodicità di aggiornamento che contraddistingue la formazione in questo ambito e che comporta il susseguirsi di punti di picco e punti di minimo nell’arco del quinquennio.

Una parte rilevante delle ore di formazione è stata dedicata alle misure di prevenzione del contagio previste dal Protocollo Aziendale sulla gestione dell’emergenza Covid-19, la cui comprensione è stata accertata mediante somministrazione di un test di apprendimento a tutta la popolazione aziendale.

Nel 2020 si sono registrati 3 casi di infortunio sul lavoro, che non hanno comportato gravi conseguenze, confermando la progressiva riduzione dell’ultimo triennio – nel 2019 e 2018 erano stati rispettivamente 4 e 10.

L’indice infortunistico – definito dal rapporto tra numero di infortuni sul lavoro e totale di ore lavorate* – che definisce l’indice di frequenza, è pari a 0,4.

Inoltre, in collaborazione con i medici competenti e il SPP sono stati effettuati sistematici monitoraggi epidemiologici, al fine di prevenire l’insorgenza di malattie professionali, confermando anche nel 2020 l’assenza di casi registrati in linea con gli scorsi due esercizi.

L’impegno di MM per il futuro è mantenere il numero degli infortuni sul lavoro al livello raggiunto negli ultimi anni, difficilmente comprimibile in modo ulteriore, tramite una costante e attenta analisi degli eventi, l’adozione di procedure e buone prassi e la formazione continua.

 

*Il calcolo degli indici infortunistici si è basato su 200.000 ore lavorate

MM svolge sorveglianza sanitaria secondo il Protocollo Sanitario, previsto per legge e redatto dal medico competente in relazione ai rischi lavorativi. Tale Protocollo richiede di effettuare accertamenti e visite secondo una periodicità prestabilita allo scopo di verificare l’idoneità lavorativa riferita alla mansione del lavoratore. Sono previsti anche controlli per i lavoratori che si assentano per motivi di salute per più di 60 giorni. 

Inoltre, ai lavoratori è data la possibilità di richiedere una visita anche in periodi diversi da quelli previsti dal Protocollo Sanitario, con semplice richiesta al SPP.

FOCUS


Accordo con i sindacati per accertamenti sanitari


MM ha istituito, in concordato con i Sindacati, un accordo di secondo livello esteso a tutti i suoi dipendenti, che prevede un accesso ad accertamenti sanitari annuali o biennali in alternanza a quanto già disposto dal Protocollo Sanitario. Tra questi, assumono particolare rilevanza gli accertamenti finalizzati alla prevenzione di malattie dis-metaboliche, del cancro ricorrente nella donna (mammella e utero) e nell’uomo (prostata).

FOCUS


Tutela della salute durante l'emergenza pandemica


Se l’attenzione da parte di MM alla tutela della salute e sicurezza nei contesti aziendali è stata fin da sempre massima, un anno straordinario come il 2020 ha rimarcato ulteriormente come tali tematiche rappresentino un prerequisito per la prosperità di qualsiasi attività di business e, con accezione più ampia, dell’intero eco-sistema urbano in cui queste insistono. Sin dagli inizi dell’emergenza è stato rivisto il Documento di Valutazione dei Rischi per accertarne l’adeguatezza alla mutata situazione, portando all’innalzamento delle misure di sicurezza in special modo per le mansioni critiche quali il servizio a sportello.