Destinazione dei fanghi “tal quale” inviati a recupero (%*)

*percentuale espressa su valori in tonnellate

I fanghi “tal quale” inviati
a recupero in agricoltura.

Destinazione dei fanghi come Sostanza Secca inviati a recupero (%**)

**percentuale espressa su valori in tonnellate

I fanghi come Sostanza Secca
inviati a vettore energetico, in aumento
dal 2018 in considerazione delle dinamiche domanda-offerta.


L’Ufficio d’Ambito della Città Metropolitana di Milano, in collaborazione con i gestori del Servizio Idrico Integrato tra cui MM, promuove:

  • la valorizzazione delle acque depurate da destinare ad attività che non necessitano di elevate caratteristiche qualitative e non sono rivolte al consumo umano
  • la valorizzazione dei fanghi da depurazione attraverso il recupero di nutrienti o la produzione di biogas/biometano, di calore, di energia elettrica
  • l’attivazione di sinergie tra il Servizio Idrico Integrato e altri settori (es. rifiuti, energia, industria alimentare) per massimizzare il recupero di energia e risorse, riducendo gli smaltimenti in ambiente
  • la condivisione di esperienze, tecnologie, impianti e risorse tra gestori del Servizio Idrico Integrato in materia.

Tutte le iniziative adottate da MM in questi ambiti, comprese quelle per la valorizzazione dei fanghi biologici e il riutilizzo in agricoltura delle acque prodotte dai depuratori di Nosedo e San Rocco fino al riordino e alla normalizzazione della gestione ordinaria dei rifiuti, fanno parte di questo processo di transizione verso l’economia circolare.

Cosa facciamo

MM sta sperimentando tecnologie per la trasformazione dei fanghi di depurazione in biocarbone (biochar) da utilizzare come combustibile alternativo per applicazioni industriali o come carbone attivo per la rimozione di microinquinanti in sezioni terziarie di impianti di depurazione delle acque reflue.

È inoltre in fase realizzativa un impianto sperimentale di trattamento termico a letto fluido per verificare le emissioni e le condizioni di autotermia di un processo di combustione dei fanghi di depurazione con recupero del fosforo concentrato presente nelle ceneri.

Altro oggetto di sperimentazione riguarda la valorizzazione del calore disponibile nella rete fognaria di Milano, nelle acque prelevate dalla falda sotterranea e nelle acque di scarico nei depuratori. Circa il 20% del calore prodotto dalle abitazioni viene scaricato nella rete fognaria e i moderni sistemi a pompa di calore acqua-acqua ne permettono il recupero.

Presso il depuratore di Nosedo è già operativa una centrale termica in grado di recuperare il calore contenuto nelle acque di scarico per riscaldare e raffrescare gli uffici e i locali tecnici dell’impianto. Inoltre, è in fase di realizzazione un impianto sperimentale di cogenerazione presso la Centrale dell’acquedotto “Salemi” per la cessione di calore al sistema di teleriscaldamento cittadino per mezzo dell’impianto “Comasina” gestito da A2A posto nelle immediate vicinanze.

Il recupero di calore dalle reti fognarie, se utilizzato in modo diffuso, permetterebbe una riduzione dei combustibili fossili utilizzati per il riscaldamento degli edifici e, di conseguenza, un beneficio ambientale in termini di controllo delle emissioni in atmosfera di CO2 e di altri prodotti della combustione di gasolio gas naturale. In quest’ottica MM sta sperimentando la possibilità di riscaldare le proprie sedi o gli edifici di edilizia residenziale pubblica grazie a sistemi di scambio termico con la pubblica fognatura.

FOCUS


Progetto pilotadi utilizzo delle aree rurali


In ottica di metabolismo urbano e con l’obiettivo di preservare la qualità della risorsa idrica, che nel caso della città metropolitana di Milano è rappresentata dalla falda sotterranea, MM intende sviluppare un progetto pilota di utilizzo delle aree rurali finalizzato a promuovere pratiche agricole o forestali compatibili con il mantenimento della qualità della falda sotterranea. In particolare, verranno studiate e testate soluzioni in grado di ridurre al minimo l’apporto di pesticidi e nitrati, nonché delle acque destinate all’irrigazione. A tal fine verranno testate nel contesto del depuratore di Nosedo innovative colture di Acquaponica in grado di utilizzare la CO2 prodotta dal ciclo industriale del depuratore stesso.

MM Spa a socio unico _ Via del Vecchio Politecnico, 8 - 20121 MilanoCodice fiscale/partita IVA e numero Iscrizione Registro delle Imprese di Milano: 01742310152R.E.A. di Milano numero 477753 - Capitale Sociale € 36.996.233 (i.v.)info@pec.metropolitanamilanese.it