Progetto SARI – Rilevazione SARS COV 2 nei reflui civici

IN CORSO


Milano

Monitorare la presenza del virus del SARS-CoV-2 nei reflui civili, al fine di ottenere indicazioni sull’andamento dell’epidemia e migliorare il sistema di allerta

Da anni sono in corso campagne per il monitoraggio della presenza di patogeni nei liquami fognari all’ingresso dei depuratori utili anche per tracciare la diffusione di particolari malattie sul territorio. 

Queste campagne hanno assunto particolare importanza con lo scoppio della pandemia da Covid-19 e hanno portato allo sviluppo di collaborazioni tra MM, l’ISS – Istituto Superiore di Sanità – altri istituti di ricerca fra cui il CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche – e atenei come l’Università Statale di Milano.

A giugno 2020, Water Alliance ha aderito al Progetto SARI, la Rete nazionale di Sorveglianza ambientale voluta dall’ISS in collaborazione con Ministero della Salute, Ministero dell’Ambiente e Utilitalia per la rilevazione del SARS-CoV-2 nei reflui civili in Italia, finalizzata ad ottenere indicazioni sull’andamento epidemico e innescare meccanismi di allerta precoce. La presenza di campioni congelati riferiti a diverse mensilità ha permesso di risalire alle tempistiche con le quali il virus si è presentato sulla città di Milano. Inoltre, individuando il numero degli eventuali pazienti infetti e la loro posizione sul territorio, la ricerca consentirà di costruire un early warning system per la corretta analisi del rischio a beneficio delle autorità preposte alla gestione dell’emergenza sanitaria, in primis ATS ed ARPA. 

Da luglio 2020, i due impianti di depurazione gestiti da MM – San Rocco e Nosedo – partecipano al progetto, della durata di 18 mesi. Water Alliance, attraverso il contribuito delle società retiste, parteciperà come «Struttura ST Livello 3R», ossia come laboratorio di riferimento regionale, il massimo livello di specializzazione previsto dal protocollo dell’ISS. Le collaborazioni si sono intensificate nel momento di picco della pandemia e proseguono tuttora in modo strutturato a livello regionale e nazionale. 

Parallelamente, MM ha avviato un progetto specifico focalizzato soltanto sul Comune di Milano in collaborazione con il Dipartimento di Virologia dell’Università Statale per il monitoraggio della diffusione del virus nelle varie zone cittadine con la distrettualizzazione dei bacini fognari.